Visione d’Autore: “La Dea Fortuna” di F. Ozpetek

di luciaguida

Cari amici, dopo ben due mesi di pausa riprendo a postare qualcosa di mio. Questa volta mi cimento in una recensione filmica, pubblicata sul sito Cyrano Factory il 23 dicembre 2019, a ridosso della sua uscita nelle sale cinematografiche.
Un modo come un altro per riflettere sulla vita e sule cose del mondo. Con il valore aggiunto di aver visionato tra i primi l’ultima opera di un regista che apprezzo tantissimo e da tempi non sospetti.
Buona lettura e buona visione a tutti
Lucia

Solo vita quotidiana e concreta nell’ultimo film di Ozpetek.
Una narrazione fatta di piccoli e significativi episodi che potrebbero avere ciascuno di noi come protagonisti: l’amica storica che ricompare a sorpresa con un problema familiare alle spalle per cui chiede aiuto durante i festeggiamenti per il coronamento di un sogno d’amore di due sposi gay celebrato con una grande kermesse coloratissima, vociante e festosa; una coppia alle prese con le prime avvisaglie di una demenza precoce che ha colpito uno dei due; un vissuto in condivisione, gioie e dolori, con vicini-amici di casa e non semplicemente conoscenti; un rapporto affettivo-sentimentale che pare arrivato al capolinea dopo una lunga convivenza;  Roma con le sue mille contraddizioni e sottofondo pregiato che, tuttavia, emerge a testa alta nel prosieguo della storia; una divinità antica, la Dea Fortuna, dallo sguardo enigmatico e magnetico che pare abbracciare tutti senza toccare intimamente nessuno, pronta a tessere un filo invisibile ma robusto che alla fine riuscirà a legare indissolubilmente i protagonisti della storia.
E poi Sandro e Martina, due bambini cresciuti con la saggezza di chi ha imparato a confrontarsi col mondo adulto con un potente esercizio di resilienza in bilico tra l’autenticità propria dei pochi anni posseduti e la sfrontatezza tenera e caparbia di chi ha appreso presto ad amministrarsi da sé nel mondo dei grandi e che fa dire a Martina “tu sei già vecchio” ad Arturo (Stefano Accorsi), mettendo un freno alla sua accorata e forse un po’ troppo melodrammatica disamina esistenziale personale.
E poi c’è la magia femminile dolente e festosa raccontata dal regista di Annamaria (un tempo innamorata del suo amico di sempre, Alessandro, tanto da chiamare suo figlio con lo stesso nome e artefice della creazione della coppia Alessandro-Arturo); una delicata tratteggiatura dell’universo femminile fatta di determinazione, ingenuità, speranza messa a tacere per poi disvelarsi in un finale per qualcuno buonista ma assolutamente coerente all’intreccio come solo Ozpetek è capace di fare. Annamaria soffre paradossalmente di una patologia congenita cerebrale, lei che per una vita si è barcamenata tra ragione e sentimento, dosando consapevolmente l’uno e l’altro nelle proprie vicissitudini ma anche nell’educazione e nell’allevamento dei propri figli. Una madre single che ‘osa’ replicare una maternità difficile da sola forse per riparare ai danni subìti durante l’infanzia per mano di Elena, algida e spietata nobildonna siciliana, genitrice di fatto ma mai ‘madre’ fino in fondo.
Un film che  conserva di sottofondo l’onirico caratteristico del regista e che val la pena di andare a vedere, non fosse altro che per ricordare che c’è sempre una felicità (o forse serendipità?) possibile a saperla ben intravvedere e, poi, costruire sporcandosi le mani (e cioè agendo fino a reinterpretare regole che al bisogno possono ben essere riscritte per il bene di tutti). Con un’ultima chicca finale: la canzone “Luna Diamante” scritta da Ivano Fossati e interpretata da Mina, valore aggiunto e ultimo tocco di passionalità per blandire la malinconia di questa storia dolceamara.

Lucia Guida

 

trovate la recensione in originale  qui 

 

8855ebbead4aaef2ffad16df9eb129cf

ph. credit: Ansadotit