Impressioni di un agosto salentino

di luciaguida

Chi mi segue da tempo sa che a me piacciono gli scatti emotivi, quelli impregnati di umoralità e colore  caratterizzati da piccoli particolari all’apparenza insignificanti. È quello che ho cercato di trasmettere anche attraverso quest’ultimo reportage fotografico emotivo-sentimentale  in un breve interludio salentino, terra da cui mancavo da ben diciotto anni.
Lascio, quindi, commentare i miei pensieri alle immagini, limitandomi a fornire brevissime didascalie laddove reputo ce ne sia bisogno. Il resto tocca a voi: incontrarsi a metà strada serve a questo, a raccogliere ciottoli di mare sulla battigia privilegiando quelli che più ci hanno colpiti per portarli via con noi
A presto

Lucia

“Anche noi, come l’acqua che scorre, siamo viandanti in cerca di un mare”
Juan Baladán Gadea, citazione letta sulla litoranea verso Tricase di Castro Marina (Le)

Andare alla ricerca di acqua limpida (o di fresche, dolci acque, se preferite) è il tormentone che mi assale vivendo in una città di mare dalla movida ammiccante e variegata ma ahimè dalle spiagge “pettinate” per bene in cui poco è lasciato alla creativa rivisitazione del turista e troppo alla pianificazione di chi vuole che tu ti diverta di default. Il Salento in questo lascia la libertà di scegliere se affollare località vacanziere come Gallipoli o preferire cittadine dal flusso turistico un po’ più contenuto. In comune, tuttavia, c’è la qualità delle acque certamente di grado superiore sia di giorno che al calar del sole che ti invitano a fare un bagno rinfrescante accarezzata da lu ventu  che soffia a ogni ora sotto forma di brezza, tramontana, scirocco o ponente.

298395094_1973490576176278_6547974021838881935_n

298513943_1115348992696951_6797194890214512685_n

299083498_595320865494893_1955122598474849972_n

Nella prima foto spiaggia di Torre Pali, nella seconda costa di Castro Marina, nella terza litorale di S. Maria di Leuca

Chi pensa al Salento pensa erroneamente a paesaggi brulli e aridi. E invece la sorpresa è quella di ritrovare campagne verdissime punteggiate da masserie circondate da ulivi e alberi da frutta e tanta vegetazione mediterranea delimitata a volte da muretti in pietra a secco che conferiscono alla vista un senso di serenità unico. Anche nei borghi c’è la cura amorevole a circondarsi di verde: che sia un ciuffo di fiori appeso sul muro di un’abitazione imbiancata a calce, un piccolo esemplare di fico d’india o un tralcio d’uva che mi riporta indietro a quand’ero bambina e all’abitudine che molti agricoltori avevano di adornare l’entrata principale dei sottani con questa pianta. Quasi a marcare il territorio, sottolineando con orgoglio l’attività che li impegnava con notevole dispendio di energie durante tutto l’anno.

298179989_584080936752090_2798004029180828065_n

298128461_1896560630554593_2911848670402445273_n

298712724_822144962492669_4549023423372929515_n
Gli scatti della prima e nella terza foto scatti sono stati realizzati a Specchia, nella seconda a Otranto

Tramonti e albe hanno un particolare fascino in Salento, scivolando verso il mare sul biancore intenso delle abitazioni. Una gioia per chi si intrattiene a respirare profumo di salmastro e serendipità

298069175_728296898275665_7644602088841037466_n

298170471_432406242258470_1579466575109314681_n

297573978_2931083607188057_2002841861389665452_n

In foto, lungomare di Otranto, tramonto a Gallipoli, alba a Villa Stasi

Non so se sia soltanto la Bellezza a essere negli occhi di chi guarda; io credo che ci sia una buona dose di divertissement, di bonario fatalismo, di stupore naïf: la giusta attitudine per cogliere dappertutto segni di benevolenza universale. O, se preferite, per carpire quelle gocce di vita spicciola che fanno bello il mondo

298592226_3317184545217974_6338057878363008974_n

298016523_574684351031638_475447269269915919_n

298796696_619728699867593_5623070798251928686_n
In sequenza, particolare del pontile del Lido Relax di S. Maria di Leuca, rampicanti su una villa salentina e panchina per i turisti stanchi nel centro storico di Lecce

C’è mai limite alla preziosità di un luogo? Per me no, almeno per quanto riguarda Lecce, città signorile ed elegante. Dama levantina di altri tempi che impavida resiste agli attacchi dei turisti bramosi di assicurarsene un pezzetto assaggiandolo per il tramite dei famosi pasticciotti alla crema o delle trine meravigliose dei palazzi nobiliari d’epoca che la popolano con generosità. E Otranto, che non fa eccezione a tanto incanto e che qui stigmatizzo attraverso il soffitto finemente istoriato della sua stupenda chiesa madre, aprendosi con fascino velato da modestia immotivata alla curiosità dei suoi visitatori avidi di pregevolezza

298480434_1461299850964524_3052401734875165746_n

297989710_6078832398799269_9177109796734993716_n

In foto particolari del Palazzo dei Celestini  a Lecce e della Chiesa di Santa Maria Annunziata a Otranto

Dove ci porterà l’ultima strada che abbiamo intrapreso? Nessuno è in grado di dirlo con ragionevole attendibilità. Certamente verso azioni fatte di cuore e mente, almeno per quello che mi riguarda. Intanto un giro in Salento mi è valsa la grande gioia di poter ammirare da vicino con reverenziale rispetto per la sua bellezza un giglio di mare sulla spiaggia di Pescoluse. Un solo fiore in un mare di altri fiori, nel verde punteggiato dalla macchia mediterranea ma anche dalla sabbia chiara e da ciuffi d’erba appena ingialliti dal sole e dall’arsura.

indicazioni

298170916_473978157493896_5390727924136200675_n

298699623_590729495772063_3064664151584454017_n (1)

298362006_755174999082224_7592022972722478066_n

Dall’alto verso il basso scatti estemporanei presi da Lucia a Santa Maria di Leuca, ristorante tipico Calura e Lido Relax Leuca, a Torre Pali e nel centro storico di Lecce